Aug 1

.transparency

a che serve essere buoni?

probabilmente ad influenzare (in maniera socialmente vantaggiosa) i rapporti con le altre persone, nel presente.

ma non ti garantirà di passare un tramonto di vita esente da dolore e sofferenza.

mio padre era una persona mite, educata, rispettosa.

abituato a “accusare” e ad “accumulare”, a proprio danno, e a vantaggio degli altri.

ma tutto questo non gli ha evitato la sua situazione attuale.

la sua grandissima fortuna è quella di avere accanto una persona come mamma, estremamente affettuosa, estremamente sensibile ed in grado di “leggere” l’altro.

senza demordere.

oggi siamo stati all’ospedale, settimo piano, medicina sud.

abbiamo incontrato per fortuna un’infermiera riccia che ha gentilmente concesso a mamma di entrare a trovare papà, anche se non era ufficialmente orario di visite.

io ero lì fuori ad aspettare.

poi dopo pochi minuti, ho visto comparire attraverso il vetro della porta del reparto le due sagome: quella di mamma, e quella dell’infermiera, che le aveva poggiato brevemente una mano sulla spalla.

per cui sapevo già che di lì a poco avrei visto “in chiaro” mia madre con gli occhi lucidi.

e così è stato

hanno fatto entrare anche me, sempre con grande cortesia e umanità

papà sta come un cristo morto. ed è ancora più doloroso se penso che, fino a qualche giorno fa, era addirittura in ripresa: mangiava per bocca, ascoltava la musica che gli avevamo procurato, giocherellava con gli oggetti che mamma gli portava…

chissà se tutto questo potrebbe capitare anche a me.

essere frustrati perché non si riesce più a comunicare con gli altri

non ci si può grattare perché nel frattempo ti hanno ammanettato ad un lettino, dove ci sei finito per motivi X.

e devi subire anche tamponi su tamponi, che magari ti fanno alla narice sbagliata, perché nessuno ha la premura di controllare se tu hai il setto deviato (come ce l’ho io).

1 comment

Jul 24

perche’ voglio bene ad ernesto

io non ho mai avuto un dichiarato terrore dei cani

però, quei cani esteticamente “grossi e cattivi”.. sì, quelli un po’ mi mettevano in agitazione

un pomeriggio vado a casa di Ernesto, sulla Tiburtina, e io so che ne stavo per incontrare uno.

prendo l’ascensore, arrivo al 3 o 4 piano

busso

mi apre con il mega cane lì che era tutto impazzito dalla presenza di un nuovo sconosciuto

io pietrificato

lui mi stava già porgendo un biscotto, che io avrei dovuto prendere urgentmente in mano

“prendilo! prendilo!”

l’ho preso. poi ho eseguito le istruzioni: ossia andarsi a sedere sul divano, e porgere il biscotto al mega cane

quel rito avrebbe messo tutti in sicurezza.

ha funzionato!

stimo Ernesto per aver trovato una soluzione da pochi secondi, piuttosto che mesi e mesi di psicoterapia

2 comments

Jul 24

che poesia

Category: in fissa,musica

Jul 19

Trivial networking

Category: tmrc

a volte capita la benedizione di scovare casualmente un problema di networking “casalingo”, e di inziarlo ad investigare.

lo trovo molto rilassante.

durante il mio viaggio esplorativo della documentazione di nmap, sono arrivato al capitolo “Remote OS detection” e stavo facendo due prove (in LAN).

dal server che ho casa (casa dei miei, attualmente), tale “junkie”, lancio un nmap -O su uno degli IP “vivi” – ossia di cui avevo l’ARP.

sinceramente, a memoria non sapevo nemmeno a cosa corrispondesse; poteva essere il device di Sky o lo smartphone di mamma, davvero non lo so, ma ottengo questo:

Starting Nmap 6.40 ( http://nmap.org ) at 2020-07-19 22:16 CEST
Stats: 0:00:07 elapsed; 0 hosts completed (1 up), 1 undergoing SYN Stealth Scan
SYN Stealth Scan Timing: About 94.55% done; ETC: 22:17 (0:00:00 remaining)
Nmap scan report for 192.168.1.95
Host is up (0.0030s latency).
Not shown: 995 closed ports
PORT      STATE SERVICE
8008/tcp  open  http
8009/tcp  open  ajp13
8443/tcp  open  https-alt
9000/tcp  open  cslistener
10001/tcp open  scp-config
Device type: general purpose
Running: Linux 2.6.X|3.X
OS CPE: cpe:/o:linux:linux_kernel:2.6 cpe:/o:linux:linux_kernel:3
OS details: Linux 2.6.32 - 3.9
Network Distance: 2 hops

OS detection performed. Please report any incorrect results at http://nmap.org/submit/ .
Nmap done: 1 IP address (1 host up) scanned in 9.69 seconds

Non capisco: Network Distance: 2 hops? ma se è in LAN! 🙂

dopo alcuni secondi, realizzo:

root@junkie:~# ip route
default via 192.168.1.254 dev enp0s9 proto static metric 100
192.168.1.128/25 dev enp0s9 proto kernel scope link src 192.168.1.253 metric 100

svariati errori dunque (miei, di configurazione)

l’ip di junkie è 192.168.1.253.

  1. la netmask DOVEVA ESSERE /24, ma invece era rimasta /25 (un refuso della precedente configurazione, dove mezza casa navigava con Telecom e l’altra con Micso 🙂
  2. oltretutto il gateway è sbagliato! quello giusto è .251, mentre io c’ho lasciato .254 (ex router Telecom)

quindi junkie per “parlare” con 192.168.1.95, pensa che non sia nella sua rete locale, e lo manda al gateway (o meglio a quello che lui pensi sia il suo gateway).

il gateway risponde: “ma che cazzo vuoi, ce l’hai in lan, USA LA LAN”:

# ping  192.168.1.95
PING 192.168.1.95 (192.168.1.95) 56(84) bytes of data.
From 192.168.1.254 icmp_seq=1 Redirect Host(New nexthop: 192.168.1.95)
From 192.168.1.254: icmp_seq=1 Redirect Host(New nexthop: 192.168.1.95)
64 bytes from 192.168.1.95: icmp_seq=1 ttl=64 time=7.55 ms
64 bytes from 192.168.1.95: icmp_seq=2 ttl=64 time=2.94 ms
64 bytes from 192.168.1.95: icmp_seq=3 ttl=64 time=4.34 ms

junkie, strunziato, manda dunque i ping a 192.168.1.95, che ha la netmask giusta (/24), per cui lui SA come rispondere, anche se junkie resta ancora convinto che sia su un altro segmento di rete:

root@junkie:/etc/sysconfig# tcpdump -nn icmp
tcpdump: verbose output suppressed, use -v or -vv for full protocol decode
listening on enp0s9, link-type EN10MB (Ethernet), capture size 262144 bytes

22:27:32.179474 IP 192.168.1.253 > 192.168.1.95: ICMP echo request, id 18054, seq 2, length 64
22:27:32.181074 IP 192.168.1.254 > 192.168.1.253: ICMP redirect 192.168.1.95 to host 192.168.1.95, length 92
22:27:32.181121 IP 192.168.1.95 > 192.168.1.253: ICMP echo reply, id 18054, seq 2, length 64
22:27:33.180270 IP 192.168.1.253 > 192.168.1.95: ICMP echo request, id 18054, seq 3, length 64

concludendo, ecco come appare lo scan dopo aver fixato quello che c’era da fixare:

root@junkie:~# nmap -Pn  192.168.1.95 -O

Starting Nmap 6.40 ( http://nmap.org ) at 2020-07-19 22:46 CEST
Nmap scan report for 192.168.1.95
Host is up (0.0065s latency).
Not shown: 995 closed ports
PORT      STATE SERVICE
8008/tcp  open  http
8009/tcp  open  ajp13
8443/tcp  open  https-alt
9000/tcp  open  cslistener
10001/tcp open  scp-config
MAC Address: F4:F5:D8:F2:96:EE (Unknown)
Device type: general purpose
Running: Linux 2.6.X|3.X
OS CPE: cpe:/o:linux:linux_kernel:2.6 cpe:/o:linux:linux_kernel:3
OS details: Linux 2.6.32 - 3.9
Network Distance: 1 hop

OS detection performed. Please report any incorrect results at http://nmap.org/submit/ .
Nmap done: 1 IP address (1 host up) scanned in 4.83 seconds

Network Distance: 1 hop

e c’è pure il mac address 🙂

cmq, è il Google Chrome

1 comment

Jun 18

forse

Category: ricordi,vita

forse ho capito perché mi intrigano così tanti i film a sfondo “crisi finanziarie” e simili

…perché papino lavorava in banca?

papino.. non lo ved(iam) dall’inizio del mese.

non ho idea di quale espressione abbia in viso

di quanto sia cambiato

…18 giorni.. senza vedere nessuna figura “famigliare”…

che brutta cosa.

alleviata solo dal fatto che, SPERO, lui sia cosciente solo in parte che “viva alla giornata”..

magari si è già abituato al nuovo ambiente..

la cosa che mi fa più paura è l’impotenza.

per me, lui sta vivendo una sorta di prigionia. di tortura.

ogni tanto arriva qualcuno e lo ammanetta. o gli mette il sondino. o gli urla contro perché lui non si sta buono.

soffre. non può esprimerlo. può solo viverlo e patirlo.

chissà in che stato tornerà a casa…

20 giorni fa lui magnava.

girovagava per casa.

passeggiava con mamma.

cmq, in sintesi: io i problemi li ho “dentro”, sicuramente.

ma quello che c’è fuori non mi aiuta, spesso e volentieri.

1 comment

Jun 15

the big sho(r)t

datemi altri 100 film così

cmq, che incredibile recitazione.

loro.. si percepisce, è palpabile

“godono” nell’essere come sono.

totalmente invidiabile

anche questa scena non scherza

No comments

Jun 14

salmonella

Category: in fissa,musica

May 2

voglia di vivere

Category: activity_log,tmrc

mi è tornata!

allora, io AMO darmi degli obiettivi. e percorrerli (non sempre arrivo alla fine).

l’obiettivo di 1 o 2 anni fa (più o meno) era dedicarsi alla lettura pressoché integrale del manuale FreeBSD Handbook.

certo, non è che mi sia messo a leggere la roba SULLE STAMPANTI, però è stato molto interessante. specialmente perché, durante quel percorso, avevo cercato di immergermi il più possibile nella “cosa”, tradotto: usavo FreeBSD come sistema desktop, ovunque (3 computer).

avevo iniziato a fare più o meno lo stesso con CentOS / Redhat. ma mi sono scazzato.

da non molto ho iniziato un percorso molto più stimolante: nmap 🙂

non avevo mai fatto caso al fatto che, sul sito ufficiale, c’è un manuale molto dettagliato ed esaustivo. ci sono parecchie cose interessanti.

e poi, Fyodor è troppo simpatico 🙂

ieri cazzeggiavo su Reddit e… a culo ho beccato un link. un corso su udemy .. “practical ethical hacking”… GRATIS

wow! ma che figata!

per adesso sto nella parte introduttiva e.. il livello è piuttosto basic. però adesso ci sono persino dei rudimenti di python, e il corso promette anche “come si sfonda active directory”.

boh, mi è tornata la voglia di vivere.

/me eterno studente

1 comment

Apr 28

alone

mi sembrava proprio un “dogma”… stare da soli.

mamma mia quant’è bello stare da soli!

che libertà!

ma poi.. nella realtà…?

direi che, negli ultimi tempi (anni), tutte le volte che mi trovo da solo, mi auto-stresso.

davvero. sono più rilassato e “lento” quando sono in due (leggi: con Marzia), che quando sto solo.

mi prende una sorta di furia. furia di fare… troppo

troppi desideri

troppe informazioni

1 comment

Apr 28

disable

tra le sensazioni più frequenti che ho, è la grande (sensibile) difficoltà nel coordinare cervello -> azioni

con le parole, non ne parliamo. mi devo realmente sforzare, è una roba tutt’altro che naturale

con la scrittura su tastiera, sì, anche, a volte veramente “mi se ne esce la catena”

ma non parliamo dei gesti.. spesso mi scopro a fare goffamente più e più volte dei gesti che.. sembrano realmente denotare una sorta di DISABILITA’ al 95%

secondo me, al di là dell’aspetto “neurale”, comunque qualche problema fisico ci deve essere.

cioè, non è nemmeno un dubbio: ho fatto delle visite, e sembra proprio tunnel carpale.

3 comments

Next Page »